PROGETTI 2022-2023

 

ARREVUOTO
diciassettesimo movimento

VERSO SUD

PROGETTO NATURAE/ARREVUOTO per una nuova Genesi

Arrevuoto. L’altissima funzione sociale e culturale del teatro, il grande valore formativo dei suoi linguaggi, delle sue possibilità di relazione e di comunicazione sono da sempre al centro dei progetti del Teatro di Napoli – Teatro Nazionale. Lo testimonia lo storico Arrevuoto, ideato da Roberta Carlotto e curato da Maurizio Braucci, che nel 2023 giungerà alla sua diciassettesima edizione. Un progetto che con i suoi laboratori, percorsi di studio e spettacoli finali sostiene i giovani napoletani delle zone più a rischio, offrendo loro un’occasione di incontro con coetanei di altri quartieri, di allontanamento dalle insidie della criminalità e di avvicinamento alla cultura e alla legalità.

 

Verso Sud. La stagione 2022-23, infine, segna l’avvio di VERSO SUD, un percorso di incontro tra Napoli, una delle porte del sud del mondo, e le comunità migranti presenti sul territorio per cambiare, nel segno del teatro, la narrazione d’un fenomeno epocale come quello delle migrazioni. Alessandra Cutolo, curatrice del progetto, traccerà un percorso nelle poco note letterature del Maghreb e dell’Africa subsahariana che costituiscono un potenziale del tutto inesplorato da mettere in scena. La valorizzazione di alcuni testi letterari provenienti dalla Nigeria, dall’Etiopia e dal Sudan in particolare, permetterà di creare una nuova generazione di attori, danzatori e danzatrici, attrici, per aprire il teatro a nuove fasce di pubblico. Come già avviene in altre zone d’Europa, il dialogo interculturale troverà nel teatro il luogo privilegiato in cui esprimersi grazie alle voci di autrici e autori come Chimamanda Ngozi Adichie, Tayeb Salhi, o Maaza Menghiste che portano in scena i drammi e i conflitti profondi che caratterizzano il nostro presente.

 

Naturae/Arrevuoto. “L’incontro di due progetti dal quale nasce la creazione di una nuova immagine, trasformata e rivoluzionaria della città di Napoli, che vuole così sottrarsi all’immagine / prigione nella quale viene troppo spesso relegata. Per riscrivere un nuovo capitolo mai pensato, una nuova Genesi, coraggiosa e visionaria, nella quale un’intera umanità inizia a pensarsi in maniera diversa scoprendo la parte luminosa, innocente e desiderante che porta dentro di sé”. Armando Punzo

ideazione e regia Armando Punzo
cura di Cinzia de Felice
con la partecipazione degli attori della Compagnia della Fortezza
produzione Teatro di Napoli – Teatro Nazionale