comunicato stampa

 

Al Teatro San Ferdinando di Napoli dal 1 al 6 febbraio

l’atteso debutto in prima nazionale dello spettacolo

Brevi interviste con uomini schifosi

di David Foster Wallace

su regia e drammaturgia di Daniel Veronese

star della scena teatrale argentina contemporanea

interpretato da Paolo Mazzarelli e Lino Musella

Uno zibaldone delle perversioni e delle meschinità del maschio contemporaneo

restituito con sguardo feroce e molto humor.

Uno spettacolo da non perdere e un regista-autore da conoscere assolutamente.

 

Sarà Napoli ad ospitare nell’eduardiano Teatro San Serdinando da martedì 1 a domenica 6 febbraio prossimi il nuovo lavoro del 66enne regista e drammaturgo di Buenos Aires Daniel Veronese, che firma lo spettacolo Brevi interviste con uomini schifosi, la raccolta di racconti dello statunitense David Foster Wallace scomparso nel 2008.

Nella traduzione di Aldo Miguel Grompone e Gaia Silvestrini, attraverso una rosa di 8 dei 23 racconti della raccolta, Daniel Veronese traccia una propria linea drammaturgica che racconta di uomini incapaci di avere relazioni armoniche con le donne, e ci invita a osservarli da vicino.

Concepiti da Wallace in forma di monologhi al maschile, Daniel Veronese fa diventare ognuna delle otto voci selezionate un “dialogo tra un uomo e una donna” e le affida al talento di due nostri straordinari interpreti quali Paolo Mazzarelli e Lino Musella.

Due uomini che in scena si alternano nei due ruoli maschile e femminile, in una dialettica che mette in luce tutte le fragilità, le gelosie, il desiderio di possesso, la violenza, il cinismo insiti nei rapporti affettivi. Il risultato è comico e disturbante ad un tempo.

Assisteremo all’uomo che insulta la moglie che lo sta lasciando; all’uomo che vanta la propria infallibilità nel riconoscere la donna che ci sta senza fare storie; a quello che usa una propria deformazione per portarsi a letto quante più donne gli riesce insomma una galleria impietosa di mostri.  Il tutto attarversato dall’ironia irresistibile di David Foster Wallace (lo scrittore morto suicida a 46 anni autore di romanzi culto quali “La scopa del sistema”, “Infinte Jest”, inserito dalla rivista Time tra i 100 migliori romanzi di lingua inglese dal 1923 a 2006), che tratta la natura umana con una suprema abilità nel descrivere il quotidiano; il suo è uno humor talmente intriso di drammaticità da rasentare il sadismo.

La produzione dello spettacolo è del Teatro di Napoli-Teatro Nazionale, Marche Teatro,

Tpe Teatro Piemonte Europa, FOG Triennale Milano Performing Arts, Carnezzeria srls, con il sostegno del Teatro di Roma-Teatro Nazionale, in collaborazione con Timbre 4 Buenos Aires.

info: www.teatrodinapoli.it

calendario rappresentazioni:

1 feb ore 21.00 | 2 feb ore 17.00 | 3 feb ore 17.00

4 feb ore 21.00 | 5 feb ore 19.00 | 6 feb ore 18.00

durata spettacolo: 1h e 20’ circa

 

Napoli. Teatro San Ferdinando | 1 > 6 febbraio 2022

BREVI INTERVISTE CON UOMINI SCHIFOSI

di David Foster Wallace

traduzione Aldo Miguel Grompone e Gaia Silvestrini

regia e drammaturgia Daniel Veronese

con Paolo Mazzarelli e Lino Musella

disegno luci Marciano Rizzo

fonica e video Marcello Abucci

responsabile di produzione Gaia Silvestrini

assistente di produzione tirocinante dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio d’Amico Gianluca Bonagura

produzione

Teatro di Napoli-Teatro Nazionale

Marche Teatro

Tpe Teatro Piemonte Europa

FOG Triennale Milano Performing Arts

Carnezzeria srls

con il sostegno del Teatro di Roma-Teatro Nazionale

in collaborazione con Timbre 4 Buenos Aires

Dopo il debutto del 1 > 6 febbraio a Napoli

lo spettacolo sarà in scena a:

Roma, Teatro India 8 > 13 febbraio 2022

Torino, Teatro Astra 15 > 20 febbraio 2022

Milano, Triennale Teatro dell’Arte 22 > 24 febbraio 2022

Ancona, Teatro Sperimentale 4 > 5 marzo 2022

 

ufficio stampa

Teatro di Napoli-Teatro Nazionale

responsabile Sergio Marra | s.marra@teatrodinapoli.it

Valeria Prestisimone | v.prestisimone@teatrodinapoli.it

 

Contatti:
Carnezzeria srls
Lungotevere degli Artigiani 10 – 00153 Roma, Italia
cell. +39 3492211323 / tel: +39 06 6876495

autori.studiogrompone@gmail.com

 

David Foster Wallace

Scrittore, saggista e accademico americano, nato a Ithaca nello stato di New York nel 1962 morto suicida nel 2008 a 46 anni. Autore di romanzi culto quali “La scopa del sistema”, “Infinte Jest” (inserito dalla rivista Time tra i 100 migliori romanzi di lingua inglese dal 1923 a 2006), e “Il re pallido” rimasto incompiuto; e di numerosi racconti, tra i quali “La Ragazza dai capelli strani”, “Oblio” e “Brevi interviste con uomini schifosi”. Wallace non ha scritto nulla per il teatro, nonostante la sua sia considerata una scrittura magistrale in particolare nella forma del monologo.

Daniel Veronese

Attore, drammaturgo, regista, nato a Buenos Aires nel 1955. Maestro del teatro argentino, nome di riferimento in tutto il continente Latino Americano. Ha diretto oltre 70 spettacoli teatrali ed è autore di più di 60 testi, tra i quali “Mujeres soñaron caballos” “Los Corderos”, “La noche devora a sus hijos”. È tradotto e rappresentato in Sud America, in Europa e nel mondo; in Italia nel 2010 Santarcangelo del Teatri ha presentato una sua “Hedda Gabler”; nel 2012 si sono visti al Napoli Teatro Festival Italia due suoi indimenticabili allestimenti cechoviani: “Los hijos se han dormido” dal Gabbiano e “Espía a una mujer que se mata” da Zio Vanja.

Del regista e drammaturgo argentino, il critico di teatro Renato Palazzi, recentemente scomparso, ha scritto: «Daniel Veronese è una delle personalità di maggiore spicco del fibrillante, nuovo teatro argentino di questi anni. È un regista atipico, che anche nel mettere in scena opere altrui, grandi classici del presente o del passato, tende a riscriverli, a decontestualizzarli, a contaminarli con altri linguaggi o altri livelli di realtà.»

Paolo Mazzarelli

(Milano, 1975), attore di teatro, cinema e televisione. Si diploma come attore alla Scuola d’arte drammatica Paolo Grassi di Milano. Negli anni ha alternato l’attività di attore a quella di regista e autore. Ha lavorato tra gli altri con Eimuntas Nekrosius, Peter Stein, Mario Martone, Davide Enia, Andrea Baracco, Andrea De Rosa, Claudio Tolcachir, Fabrizio Arcuri, Marcello Cotugno. Nel 2001 vince il Premio Speciale Scenario e nel 2005 il Premio Franco Enriquez, entrambi per lo spettacolo “Pasolini, Pasolini!”, di cui è regista e interprete. Nel 2009 dà vita con Lino Musella alla Compagnia Musella-Mazzarelli, con cui porta in scena “Due Cani” (2008), “Figli di un brutto Dio” (Premio In-box 2010), “Crack Machine” (2011), “La Società” (2012) Premio della critica ANCT, “Strategie fatali” (2015) premi