comunicato stampa

 

Al Teatro Mercadante dal 22 al 27 marzo lo spettacolo “in due parti”

PADRI E FIGLI il romanzo di Ivan Turgenev

nella traduzione e l’adattamento di Fausto Malcovati e Fausto Russo Alesi

con la regia di Fausto Russo Alesi 

«In Padri e figli Turgenev fotografa il conflitto generazionale che domina la Russia conservatrice e patriarcale degli anni Sessanta dell’Ottocento».

 

Padri e figli andrà in scena in due parti della durata di 2 ore e 15 minuti ognuna

secondo il calendario di seguito riportato.

 

Approda al Teatro Mercadante da martedì 22 a domenica 27 marzo lo spettacolo “in due parti” PADRI E FIGLI, il romanzo del 1862 dello scrittore russo Ivan Turgenev, considerato uno dei capolavori della narrativa del XIX secolo per la sua analisi della struttura familiare russa della sua epoca, adattato e tradotto da Fausto Malcovati e da Fausto Russo Alesi che firma anche la regia. 

Materialista, antitradizionalista e sempre contro: un nichilista. Così si definisce lo studente di medicina Bazarov, il ruvido e complesso protagonista del romanzo. In Padri e figli Turgenev fotografa il conflitto generazionale che domina la Russia conservatrice e patriarcale degli anni Sessanta dell’Ottocento. Ai padri, legati a un mondo aristocratico e privilegiato, si contrappongono i figli, più democratici e impegnati a costruire il loro mondo che nega e rifiuta i principi e i valori del passato e della tradizione, iniziando a costruire un mondo “senza”: senza illusioni, senza autorità, senza falsi idoli.

Ma sono davvero tutti falsi gli ideali e i valori contro cui si scagliano i figli? E quale cambiamento rivendicano con determinazione?

Affidato alla forza, alla vitalità e al talento di tredici attori e alla partitura musicale di Giovanni Vitaletti portare in scena oggi questo romanzo, significa interrogarsi ancora sull’uomo e sulla crisi di un’epoca, sulla libertà e sull’eterno e difficile confronto tra le generazioni, tra le classi sociali e con il potere.

Con la consulenza e con la presenza in scena del Professore Fausto Malcovati, il regista e attore Fausto Russo Alesi si confronta con uno dei romanzi più importanti di sempre.

Recitano Daria Pascal Attolini, Marial Bajma Riva, Giulia Bartolini, Alfredo Calicchio, Luca Carbone, Matteo Cecchi, Eletta Del Castillo, Cosimo Frascella, Stefano Guerrieri, Marta Mungo, Marina Occhionero, Luca Tanganelli, Zoe Zolferino, con Fausto Malcovati.

Il progetto scenografico è di Marco Rossi, i costumi di Gianluca Sbicca, le luci di Max Mugnai. Al pianoforte Esmeralda Sella, composizione musiche originali Giovanni Vitaletti. Produzione Teatro di Napoli-Teatro Nazionale, Emilia Romagna Teatro Fondazione in collaborazione con Teatro Verdi Pordenone.

Personaggi e interpreti su  https://emiliaromagnateatro.com/padri-e-figli-i-personaggi/

Le due parti dello spettacolo andranno in scena con il seguente calendario:

Padri e figli / PRIMA PARTE: 22, 23, 26 marzo rispettivamente alle 21.00, alle17.00 e alle 19.00.

Padri e figli / SECONDA PARTE: 24, 25 e 27 marzo rispettivamente alle 17.00, alle 21.00 e alle 18.00.   

Durata prima parte: 2h e 15’ | Durata seconda parte: 2h e 15’

Info www. teatrodinapoli.it|Biglietteria tel. 081.5513396 | e-mail: biglietteria@ teatrodinapoli.it

Note di regia

“Padri e figli è innanzi tutto un progetto, frutto di collaborazione, condivisione e investimento su studio e formazione, nato nel 2016 e sviluppatosi con modalità e tempistiche più libere e fuori dai percorsi ordinari. Proprio per questo ringrazio di cuore tutte le persone che ci hanno creduto e i teatri che lo hanno prodotto, abbracciato e sostenuto. Più siamo andati avanti nel lavoro, più il tempo è passato, più siamo rimasti ad aspettare, più il presente complesso e incerto che ci troviamo a vivere ci avvicina a Turgenev e ci fa sentire il calore delle sue parole e dopo l’ultima tappa di allestimento ad aprile scorso, ancora in piena pandemia, eccoci finalmente qui, felici di incontrare il pubblico e di poter “costruire” insieme, quel palcoscenico, quello spazio, quel tempo indispensabile per l’ascolto.

Da molto tempo amo questo straordinario romanzo di Ivan Turgenev in cui scorre la ricchezza e l’orrore della vita. Il Centro Teatrale Santacristina, diretto da Roberta Carlotto, mi è sembrato il luogo adatto per conoscerlo meglio, per verificarne le sue potenzialità e i suoi parametri vitali: infatti è lì che il lavoro ha avuto la sua genesi, in un contesto di formazione appunto. In quel luogo meraviglioso che mi lega alla figura straordinaria di Luca Ronconi, che lo ha creato, mi sono voluto porre la domanda: “quale è l’eredità dei padri e quale è il futuro dei figli?”. Questa domanda portante, a mio avviso, del romanzo di Turgenev, è ciò che mi guida in questo lungo viaggio. Padri e figli è un romanzo che fu molto criticato al suo esordio, romanzo che probabilmente scontentava tutti, i padri conservatori e i figli progressisti poiché tutti apparentemente ne uscivano sconfitti. Mi sembra che la posizione di Turgenev sia estremamente esistenziale e mi sembra di riconoscere contraddizioni in ogni personaggio da lui descritto, lasciandoci intravvedere gli abissi e le debolezze dell’essere umano e soprattutto la sua incapacità di emanciparsene o di affrontarle. Ed è proprio quella sconfitta che mi ha interessato: il difficilissimo tentativo di Turgenev di abitare quel disagio e quell’incomprensione.
Le fondamenta su cui abbiamo appoggiato il nostro lavoro partono da un adattamento del romanzo reso possibile dall’autorevole presenza nel lavoro di drammaturgia e di traduzione del Professor Fausto Malcovati. Il suo essere generosamente anche in scena nei panni dell’autore Turgenev ha un valore importantissimo per me e per tutti noi: la possibilità e la necessità di dialogare con un riferimento insostituibile, un maestro, depositario di un sapere che non può che illuminarci la strada. Ho voluto da un lato assecondare il carattere del romanzo e quindi non negare le sue dilatazioni e il suo lento sviluppo, dall’altro cercare la teatralità e la possibile sintesi di un capolavoro magistralmente scritto, ma che nasce per essere letto. Da qui l’idea di provare ad indagare i possibili punti di vista da cui guardare il testo: da lettori di oggi che si mettono in rapporto con questa storia e con le sue tematiche, da personaggi che utilizzano la narrazione per raccontarsi attraverso il loro punto di vista, da una possibile figura di autore che si confronta con le sue creature, mettendole in relazione e attraversandole tutte per cercare di capire dove collocarsi nel mondo.

Mantenere? Demolire? Costruire? O trasformare il passato di cui siamo figli, provando a leggere il presente e cercando un futuro che non si vede ancora? È commovente con quanta poesia e struggente leggerezza Turgenev riesca a parlarci. “L’importante è sapere chi sei e verso dove vuoi andare”: questo ci dice Turgenev. E io credo proprio che sia vero, anche se tutto questo è inutile senza ricostruzione sociale, senza democrazia, senza cultura, senza un ascolto profondo e rispettoso per l’amore e per la vita.

Bazarov ha, da un lato, la forza e il talento di un visionario capace di demolire un ordine costituito e un passato obsoleto, è in grado di prendere le distanze da un presente mostruoso e corrotto e potrebbe con i suoi occhi tracciare un ponte con il futuro per dare risposte alle nuove generazioni; ma dall’altro ha anche in potenza la violenta degenerazione della sua coerenza.

Bazarov innesca una miccia che ci interroga tutti e mi sembra di cogliere nel suo esaurimento finale, un grande gesto di accettazione del limite umano e la consapevolezza dell’orrore che può scaturire dalla sorda convivenza tra gli uomini […] I duelli, le barriere e gli scontri ideologici che Turgenev ci racconta, sembrano prevedere tutti i fallimenti storici e fanno risuonare tutte le contraddizioni umane, quelle domande universali necessarie alle sfide del nostro tempo”.

Fausto Russo Alesi

Padri e figli: una polveriera

Lo sfondo: una Russia sconvolta da guerre (quella di Crimea del 1855, da cui esce clamorosamente sconfitta), da riforme (che arrivano nel 1861, mettendo in una crisi catastrofica per decenni l’economia), da scontri tra opposte ideologie (slavofili contro occidentalisti), tenute a freno da una polizia opprimente, onnipresente. Ma Turgenev non scrive un romanzo storico, scrive per i suoi contemporanei che queste cose le sanno, le vivono quotidianamente sulla loro pelle. Quello che a lui importa è, su questo sfondo, muovere personaggi che s’interrogano sul “che fare” in una situazione di totale instabilità. Due ragazzi, Arkadij e Bazarov, appena usciti dall’Università, cercano la loro strada. Non sanno, in realtà, dove andare. Una cosa è certa: la società in cui vivono è un disastro, va rifiutata. Ai padri rinfacciano di averla costruita male, di aver imposto modelli di vita inaccettabili, obsoleti, superati. E li contestano furiosamente, categoricamente. È il loro primo passo. Ma poi?

È qui che Turgenev nel suo romanzo fa un balzo straordinario verso la modernità. Contestare non basta. Al di là delle parole, bisogna avere un progetto, un piano, una prospettiva.